15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.42
Palermo

l'iniziativa del consigliere comunale

I bambini della Cavallari di Palermo sul tram: “Il biglietto si paga”. Sala: “Educare sin da piccoli al senso civico”

7 Maggio 2019

Il biglietto si paga!”. È stato questo lo slogan “gridato” a gran voce dagli alunni della scuola elementare Cavallari di corso dei Mille, a Palermo, che hanno viaggiato sulla linea 1 del tram per raggiungere l’Ipercoop del Forum, nell’ambito di un progetto sull’educazione alimentare.

Ad accompagnare la classe, una quarta, il presidente del comitato dei Resilienti Toni Sala, consigliere comunale e capogruppo di Palermo 2022 a Sala delle Lapidi.

antonino-salaAbbiamo voluto non solo regalare i biglietti agli alunni, ai genitori e alle maestre che li hanno accompagnati, tra cui la docente Giovanna Russo che ringraziamo – dice Sala – ma anche obliterarli con loro: bisogna educare i giovanissimi a comprare e convalidare i biglietti sugli autobus e sul tram, non solo perché è moralmente corretto ma anche perché così si sostiene il trasporto pubblico che nelle periferie è fondamentale“.

La classe, composta da circa 25 alunni, ha anche sensibilizzato gli altri viaggiatori all’acquisto e alla convalida dei tagliandi.

Il cambiamento parte dai più piccoli – aggiunge Sala – e dalle scuole, che vanno sostenute nella loro missione educativa dei cittadini di domani. Amat e il Comune devono però fare la loro parte, valutando la possibilità di ridurre i costi degli abbonamenti per le famiglie: condizioni più agevolate significano più abbonamenti e quindi più introiti, oltre a più viaggiatori in regola“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Avido d’informazioni non faziose

Spesso il mestiere del giornalismo viene soppiantato da quello “dell’opinionista presenzialista”, un po' come avviene nei paesi dove stampa e propaganda sono la stessa cosa. La credibilità sembra venir meno fomentata da linee editoriali politicizzate.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.