15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.42
Catania Siracusa Trapani

ETNEI FERMATI DAL RIETI

Lega Pro: weekend tragico per le siciliane! Catania, esonerato Novellino

6 Maggio 2019

Una volta si usava dire “buona fine e buon principio”. Evidentemente le squadre siciliane non hanno ben compreso questo detto popolare, visto i risultati dell’ultimo turno del girone C di Lega Pro. Il Catania pareggia contro il Rieti ma, per l’importanza della partita in chiave classifica, è come se avesse perso. La società ha fatto sapere che ha esonerato l’allenatore Walter Novellino, richiamando sulla panchina Andrea Sottil. Evidentemente la società etnea punta a riacquistare un equilibrio all’interno dello spogliatoio, perso da alcune partite. A dire il vero, mister Novellino le ha provate davvero tutte in stagione, cambiando modulo ed interpreti, ma non è servito a niente.

I rossoblu confermano tutti i loro limiti in attacco, sbloccando la partita solo con un calcio di rigore di Lodi, capocannoniere (ed è tutto dire) del Catania con 11 reti stagionali. Il pareggio del Rieti arriva sull’ennesimo rigore concesso agli avversari, realizzato da Cernigoi. Se consideriamo anche la gara di Cava dei Tirreni, sono almeno quattro i punti persi a causa di disattenzioni difensive in area di rigore.

I giocatori etnei sembrano mancare di motivazione e di carattere, elementi che ha messo ieri in campo il Catanzaro, il quale soffia il terzo posto agli etnei battendo un Trapani a mezza trazione per 6-3. Il Trapani segna tre gol nei primi dieci minuti con Golfo, Evacuo e Toscano, poi sparisce dal campo. Il Catanzaro ribalta la partita già a fine primo tempo, per poi mettere in campo una intensità a cui gli uomini di mister Italiano forse non erano pronti. Il Trapani può consolarsi guardando al tabellone dei play-off. Il secondo posto in campionato permetterà ai granata di partire più avanti nel tabellone dei playoff.

Male anche il Siracusa e la Sicula Leonzio, sconfitte rispettivamente dal Monopoli (4-1) e dalla Casertana (0-3). Tutte e due le squadre si sono rivelate assenti dal punto di vista mentale, con la testa già alle vacanze estive, il che si è rivelato fatale di fronte a squadre che si giocavano i playoff proprio all’ultima giornata. Nonostante il finale deludente, le due siciliane si potranno godere un altro anno all’ombra del professionismo.

La stagione non è ancora finita. Ad attendere Trapani e Catania adesso vi è la lunga lotteria dei playoff. Fondamentale per il Catania sarà ritrovare un unità di gruppo e un gioco quantomeno incisivo sotto porta. Per il Trapani invece l’obiettivo è mantenere lo stato di forma che ha contraddistinto il girone di ritorno, cercando di raggiungere la tanto agognata promozione.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Avido d’informazioni non faziose

Spesso il mestiere del giornalismo viene soppiantato da quello “dell’opinionista presenzialista”, un po' come avviene nei paesi dove stampa e propaganda sono la stessa cosa. La credibilità sembra venir meno fomentata da linee editoriali politicizzate.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.