15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.42

Parlamento europeo accusa la Russia di “esportazione illegale” di oggetti d’arte

26 Novembre 2018

Diversi sono gli aspetti di aggressione nei confronti del nostro patrimonio culturale, bisogna preservarlo, non solo dal deterioramento ma, soprattutto, dalla distruzione, sottrazione ed esportazione illegale (anche con acquisti on line).

Questa esportazione, avviene con la complicità di storici o professionisti dell’arte, che rilasciano degli attestati, una sorta di carta d’identità falsata dell’opera, che insieme ad ulteriori certificati assai ambigui vengono dichiarati in dogana, diventano così tutto lecitamente commerciabili.

Il traffico illecito di oggetti d’arte è in costante espansione, un dato importante nella intera comunità internazionale, che porta il fenomeno tra i mercati più lucrativi al mondo e di conseguenza una delle principali cause della dispersione del patrimonio culturale globale.

Recentemente l’Unione Europea, ha accusato la Russia di possedere illegalmente opere d’arte, presumibilmente rubate durante la seconda guerra mondiale, in diversi paesi dell’Europa.

Nello specifico, l’accusa da Bruxelles è di “esportazione illegale” di beni culturali dalla Crimea, che sono parte del patrimonio culturale dell’Ucraina” ed ha invitato il comitato parlamentare per gli affari legali a prendere misure per fermare l’esportazione illegale da parte delle autorità russe e delle sue istituzioni culturali di mostre che fanno parte del patrimonio culturale dell’Ucraina.

Il Consiglio di Stato della Crimea, ha definito le accuse contro la Russia illegittime, perchè gli oggetti storici della regione, come la stessa penisola, non appartengono all’Ucraina.

Un po’ come dire che non si può essere ladri a casa propria. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Avido d’informazioni non faziose

Spesso il mestiere del giornalismo viene soppiantato da quello “dell’opinionista presenzialista”, un po' come avviene nei paesi dove stampa e propaganda sono la stessa cosa. La credibilità sembra venir meno fomentata da linee editoriali politicizzate.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.