15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.42
Messina

malumori nella lega

Sostegno di Genovese ad Attaguile? Lui replica: “Porte della Lega chiuse ai condannati”

7 Maggio 2019

“Le porte della Lega sono chiuse ai condannati, a chi ha, o ha avuto, rapporti con la mafia e anche a chi è, o è stato, vicino ad ambienti massonici“. Così Angelo Attaguile, candidato della Lega alle prossime Elezioni Europee.

“Nei 5 anni in cui ho gestito il partito ho detto tanti no, anche  a personaggi di spicco e portatori di voti, e continuerò a farlo anche nel prossimo futuro. Archiviate le Elezioni Europee mi impegnerò, come sempre, a segnalare in modo puntuale mafiosi, condannati e massoni. Non vanno però confusi i rapporti politici con quelli personali e di amicizia. Quest’ultimi, nella mia vita privata, sono stati e saranno sempre un punto fermo. Mi meraviglio – prosegue Attaguile – che gli endorsement e gli attestati di stima che ho ricevuto e che continuo a ricevere creino nervosismo, strani attacchi di gelosia, inutili preoccupazioni e soprattutto interventi scomposti.

Tutto questo è un segnale evidente che qualcuno, contrariamente a quanto dichiarato, ha mal digerito la mia candidatura. Chi fino a qualche settimana fa ha dialogato con tutti voleva strumentalizzare il partito a fini personali e raccogliere il lavoro, faticoso e onesto, che ho svolto negli anni per portare la Lega in Sicilia, mantenendola sempre al di sopra di ogni sospetto. Insomma: qualcuno ha le idee un po’ confuse o forse poca memoria. Io della legalità ne ho sempre fatto la mia bandiera”.

LEGGI ANCHE:

L’ex Pd poi forzista Genovese con la Lega? Cantarella: “Porte sbarrate”

Endorsement di Genovese alla Lega? Gelarda: “Salvini lo impedirà”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Avido d’informazioni non faziose

Spesso il mestiere del giornalismo viene soppiantato da quello “dell’opinionista presenzialista”, un po' come avviene nei paesi dove stampa e propaganda sono la stessa cosa. La credibilità sembra venir meno fomentata da linee editoriali politicizzate.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.